lohoooo

INFO

CONTATTI


facebook
linkedin
instagram
phone
logo-scritta-bianca

dietista@jacopoevangelisti.it

 

+39 380 465 9897

 

​PI: 15747771002

 

PEC:  jacopo.evangelisti@pec.tsrm-pstrp.org

Quando iniziare l'alimentazione complementare?

2020-11-17 20:01

Jacopo Evangelisti

Prima Infanzia, bambini, nutrizione, educazione alimentare, alimentazione, alimentazione sana, dietista, nutrizionista, genitori, allattamento, svezzamento, dietista pediatrico, nutrizionista pediatrico, alimentazione complementare, prima infanzia, mamma, papà, nutrizione pediatrica, divezzamento, mamme, sviluppo, sviluppo neuromotorio, cucchiaino, assaggiare, assaggio, sicurezza, tavola, bocca, mani, funzione alimentare, maturazione, riflessi, riflesso di estrusione, abilità motorie, labbra, seno, biberon, mandibola, apprendimento,

Quando iniziare l'alimentazione complementare?

L’età raccomandata per introdurre alimenti diversi dal latte materno o in formula sono i 6 mesi circa.Il circa è obbligatorio perché non si tratta di una...

 

 

 

Quando iniziare l'alimentazione complementare

 

 

 

L’età raccomandata per introdurre alimenti diversi dal latte materno o in formula sono i 6 mesi circa.

 

Il circa è obbligatorio perché non si tratta di una scadenza, ma di un’epoca in cui la maggior parte dei bambini hanno maturato alcune tappe fondamentali dello sviluppo anatomico e neuromotorio, che permetteranno l’inizio dell’alimentazione complementare in sicurezza.

 

Questo significa che ogni bambino raggiunge tale maturità in modo individuale intorno ai 6 mesi di vita, chi prima, chi dopo.

I segnali che ci permettono di capire che il bambino è pronto per assaggiare nuovi alimenti sono:

 

  • Sta seduto con minimo appoggio

 

Il bambino deve saper mantenere la posizione seduta con appoggio allo schienale e mantenere il capo con facilità. Queste abilità danno la possibilità al genitore di tenerlo vicino a loro durante il pasto per valutare i segnali successivi

 

  • Interesse per i comportamenti dei genitori a tavola

 

Il bambino vuole imitare mamma e papà afferrando il cibo o il cucchiaino, portarli alla bocca o chiedere un assaggio (atteggiamento eccitato alla vista del cibo, emette versi, cerca di afferrare gli alimenti a tavola)

 

  • Coordinazione occhi-mano-bocca

 

È la capacità di guardare il cibo, prenderlo con le mani e portarlo alla bocca. È una tappa fondamentale che apre un nuovo percorso di esplorazione sensoriale per il bambino e che soprattutto lo rende partecipe durante l’apprendimento e lo sviluppo della funzione alimentare.

 

L’alimentazione complementare non è un processo passivo, il bambino deve poter toccare, imparare a mangiare autonomamente e sporcarsi, oltre ad essere aiutato dal genitore con il cucchiaino.

 

  • Maturazione delle abilità motorie orali

 

La perdita del riflesso di estrusione, che permette al lattante di accogliere il seno o il biberon, tirando fuori la lingua quando vengono toccate le labbra, ma stimolato con il cucchiaino il cibo proposto verrà gran parte sputato.

 

Questo perché la suzione utile all’allattamento è data da un’attività che determina una forte spinta linguale antero-posteriore. Se il bambino non ha raggiunto la maturazione motoria a livello orale è portato a spingere il cibo semisolido verso la parte esterna della bocca.

 

Quando migliorerà il controllo dell’attività mandibolare di apertura e chiusura della mandibola, attraverso l’esplorazione e l’apprendimento di cui parlavo sopra, sarà pronto per accettare il cucchiaino.


facebook
linkedin
instagram
phone

Created by Eughenes Communication - Jacopo Evangelisti © 2020. All reserved. - Privacy Policy - Cookie Policy

 

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder